13 ottobre, andiamo a ritirare una menzione speciale!

Prima soddisfazione del lavoro che stiamo facendo in vista di EXPO.

Stamattina andiamo a ritirare una menzione speciale che ENEL ci ha assegnato per la partecipazione a PlayEnergy.

Sono con me 20 alunni della attuale 2A, 2B, 3CA, 3CB e 4CB. Quelli che hanno lavorato con più determinazione ed impegno e che quindi si sono guadagnati un “giorno di vacanza”. Speriamo che sia ricco di soddisfazione!

E speriamo soprattutto che stimoli tutti gli altri a lavorare bene per i prossimi impegni.

Forza ragazzi!

A breve foto e articolo della mattinata a Settimo Torinese con l’elenco preciso dei partecipanti

Prof Seb

 


Le nuove tecnologie sposano una nuova didattica

Istituto Tecnico Industriale OMAR di Novara

Domani, 6 giugno, finisce la scuola.

Immagino la felicità di tutti gli alunni :))

Come ogni anno è ora di rendere merito agli studenti che si sono distinti per le competenze acquisite.  E’ stato un anno molto laborioso che abbiamo dedicato ad un progetto legato ad EXPO 2015:

Glucosio e Galattosio vi raccontano il cibo italiano

La pasta, la pizza, la polenta, la mozzarella, il pomodoro, l’olio, il vino …  sono i simboli che ci hanno reso famosi nel mondo. Ma quali sono le molecole che li compongono? qual è la filiera dei vari ingredienti? quale impatto ambientale hanno agricoltura, allevamento, industria,  imballaggi, trasporto merci … ? che prezzo paghiamo nel consumo di acqua e nella produzione di anidride carbonica?  che cosa ci aspetta con il previsto aumento della popolazione mondiale? quali strategie si stanno studiando?

A queste domande hanno cercato e cercheranno una risposta gli alunni dell’OMAR, dalla prima fino alle classi terminali, studiando l’argomento in base alle loro competenze ed elaborando i risultati seguendo la loro creatività.

Ci fanno compagnia e sono un supporto insostituibile le nuove tecnologie. Internet, prima di tutto, miniera di informazioni, spesso contraddittorie. E poi il cloud computing che abbiamo abbracciato  ormai da qualche anno e ci aiuta, tramite Google Drive, a creare infografiche e nuovi metodi di comunicazione.

A tutti voi, curiosi di dare una sbirciata in anteprima a qualche assaggio del nostro progetto … buona navigazione!

E a tutti i miei studenti, autori in erba, congratulazioni!

Prof Seb

Google


Il libro di Scienze della Terra

Copertina del libro di Scienze della Terra

Copertina del libro di Scienze della Terra

 

Un libro di Scienze della Terra, in carne ed ossa virtuali, però. Il libro ha una sola copia cartacea. Per il resto è depositato in Internet. Realizzato ed assemblato secondo le più moderne tecnologie.
Infatti è stato scritto e disegnato sfruttando la piattaforma ”cloud”, ”Docs and Spreadsheets”, fornita gratuitamente da Google. Pensate che avete utilizzato la piattaforma collaborativa più avanzata per la produzione e condivisione di documenti! Chi lo avrebbe mai detto all’inizio dell’anno scolastico?
E alla fine eccolo qui, il nostro libro.
Questa è la copertina scelta da voi attraverso il nostro piccolo concorso interno. Ognuno di voi ha realizzato la sua dopo aver scelto “il suo titolo” e poi, tutti insieme, avete votato. La migliore è risultata questa che vedete, di Federico A. classe 1CB.
Se cliccate sulla copertina entrate in una pagina in cui potete “sfogliare” due dei capitoli del libro. Basta cliccare sulla pagina di destra.
In basso a sinistra, invece, trovate l’elenco di tutti i file .pdf. Chi vuole li può scaricare sul proprio computer e leggere.
Gli argomenti importanti ci sono tutti. Vulcani, terremoti, tettonica a zolle, idrosfera ed atmosfera ma ne mancano ancora tanti. La speranza è che i nuovi iscritti trovino la stessa vostra voglia di mettersi in gioco e sfidare tutte le grandi e piccole difficoltà che insieme abbiamo incontrato e superato. E riuscire così a completare i tanti argomenti e i punti interrogativi che non siamo riusciti ad esplorare per mancanza di tempo.
Insieme abbiamo vinto. Vinto la sfida e vinto anche nel percorso didattico. Ne sono sicura e ve lo dimostrerò ad inizio del prossimo anno scolastico. Aspettatevi ancora iniziative “strane” e nuove avventure.
Un grazie particolare lo dobbiamo alla vostra insegnante di religione, prof. Gardini, che ha saputo suggerirci la frese in copertina. Frase che riassume benissimo il significato più profondo che bisogna dare all’insegnamento a allo studio del nostro pianeta.
E’ stato un anno fantastico. Molto faticoso ma fantastico. Grazie ragazzi!
La vostra insegnante
Google