ASL

ASL sta per Alternanza Scuola Lavoro. La novità di questo anno scolastico 2015/16.

A partire dalla terza e fino alla quinta gli studenti hanno tempo tre anni per totalizzare 400 ore di esperienze varie: direttamente in azienda, oppure simulazioni di lavoro, corsi specifici, attività di orientamento e quanto di meglio si può offrire loro. In ogni caso ognuna di quelle ore rappresenta un passo avanti per prendere contatto con il mondo reale e fortificare le loro competenze da tutti i punti di vista. Non è più il vecchio concetto di stage, è un modo nuovo di concepire l’apprendimento. Anche le aziende si devono proporre per completare conoscenze, abilità e competenze.
Scuole e aziende devono affrontare nuovi problemi. In terza è ancora presto per entrare in azienda. Troppo poche le competenze acquisite in un solo anno e quindi la nuova frontiera della scuola è offrire nuove opportunità, nuovi percorsi formativi, progetti innovativi in cui gli studenti vivano l’esperienza come protagonisti attivi per imparare a diventare più flessibili, a usare strumenti nuovi e sperimentare metodologie che poi ritroveranno fuori dall’ambiente protetto della scuola.
Ecco da dove nascono le esperienze che l’OMAR ha sperimentato durante questi mesi scolastici.

Il primo è la realizzazione del libro di Biologia, microbiologia e tecnologie di controllo sanitario che sarà usato dai ragazzi che frequenteranno l’articolazione di Biotecnologie sanitarie. Siamo solo ai primi capitoli ma il lavoro continuerà nei prossimi anni, sostenuto dall’entusiasmo degli studenti che si preparano ad entrare in quarta.
Il titolo è

I protagonisti della vita

cellula-eucariote-scr01

Il secondo riguarda invece la realizzazione del Summer Camp 2016 e che ha coinvolto diverse specializzazioni del nostro Istituto. Qui vi mostriamo l’ElettroBioTech legato ad un viaggio tra passato e futuro, completamente preparato e realizzato da ragazzi di terza con l’aiuto di alcuni volontari di quarta.

Avvia la presentazione

Clicca sull’immagine per andare sulla pagina

 

Loretta Sebastiani