Il Coltan

Perché non scoprire e indagare sulle cose nascoste?
La classe 1^H nell’a.s. 2015/16 ha cercato di capire cosa si nasconde all’interno di un cellulare e la parola COLTAN, a molti sconosciuta, ci ha fatto viaggiare lontano e ci ha dato una nuova percezione della tecnologia che usiamo quotidianamente.
Devi scaricare la presentazione per vederla ;))

Devi scaricare la presentazione per vederla ;))

Clicca sul link!!!!!

Il coltan

Anna Vicario e i suoi ragazi

I nostri avatar raccontano

Ciao a tutti, uno dei metodi didattici più innovativi e legati alle competenze è lo storyteling. Creare storie su argomenti didattici è particolarmente coinvolgente. Quando poi si può diventare registi scrivendo una sceneggiatura che può essere ambientata in un luogo ideale con i propri personaggi che magari fanno l’occhiolino anche a se stessi … è ancora più intrigante. Ecco le storie più belle dei ragazzi della 5CB. Tutte rigorosamente nelcampo della medicina e dell’igiene, delle malattie genetiche rare, della prevenzione ….. che sono il loro pane quotidiano. E tutte in lingua inglese ;)))

Diabetes prevention by Valentina Fogazzi

Prevenire il diabete a.s. 2015/16

Prevenire il diabete
a.s. 2015/16

Breast cancer frightens … by Federico Piantanida

Il cancro al seno spaventa ... ancora a.s. 2015/16

Il cancro al seno spaventa … ancora a.s. 2015/16

Breast cancer 1 by Terfy Ayoub – evidentemente l’argomento ha coinvolto i ragazzi moltissimo

Colloquio con un medico su un probabile cancro  a.s. 2015/16

Colloquio con un medico su un probabile cancro
a.s. 2015/16

Breast cancer 2 by Ayoub Terfai

Seconda parte del colloquio tra medico e paziente a.s. 2015/16

Seconda parte del colloquio tra medico e paziente
a.s. 2015/16

Altro argomento scottante le malattie genetiche rare che abbiamo presentato a Telethon a dicembre.

Genetic Disease by Ayoub Terfai

Le malattie genetiche rare a.s. 2015/16

Le malattie genetiche rare a.s. 2015/16

 

Alla prossima ;))

Loretta Sebastiani

 

Scuole al Centro: i lavori della 5CB

Il 28 e il 29 maggio come tutte le scuole di Novara abbiamo partecipato ala manifestazione “Le scuole al Centro”. Sede il centro commerciale San Martino. Obiettivo: presentare i lavori dei ragazzi nel corrente anno scolastico.

I ragazzi delle Biotecnologie sanitarie hanno deciso di portare le infografiche più belle e coerenti sui programmi di prevenzione alla salute, soprattutto le malattie cronico-degenerative che più impensieriscono le organizzazioni mondiali della salute. Stiamo parlando di cancro, diabete, dipendenze quali il tabagismo e malattie cardiovascolari.

Ecco le più belle e quelle che hanno attirato l’attenzione soprattutto di certe fasce di popolazione.
In questo percorso di prevenzione non potevamo dimenticarci del tabagismo e dei suoi danni. Ma quante e quali sono le sostanze dannose nelle sigarette? Ce lo racconta Barbara Bazzani

le sostanze dannose nel fumo di sigaretta

Zambon, invece, ha affrontato  l’argomento dal punto di vista del rischio

Cosa respiro con il fumo di sigaretta e quanto rischio? Michele Zambon - 5CB - a.s. 2015/16

Cosa respiro con il fumo di sigaretta e quanto rischio? Michele Zambon – 5CB – a.s. 2015/16

E qualcun altro (Giada Mori) ha spiegato come il fumo sia una delle tante concause del cancro al polmone

Le concause del cancro al polmone; a cosa dobbiamo stare attenti! Mori Giada - 5CB - a.s. 2015/16

Le concause del cancro al polmone; a cosa dobbiamo stare attenti!
Mori Giada – 5CB – a.s. 2015/16

Per questo tipo di cancro come per molte altre malattie cronico degenerative ciò che conta nella prevenzione è un corretto stile di vita. Federico Piantanida ne è convinto assertore. 

La prevenzione del cancro passa attraverso corretti stili di vita Piantanida Federico 5CB - a.s. 2015/16

La prevenzione del cancro passa attraverso corretti stili di vita
Piantanida Federico
5CB – a.s. 2015/16

Giulia Parravicini si è soffermata sul linfoma di Hodgkin. Fa paura alla gente ma i ragazzi della 5CB sanno che ormai è curabile in larghissima percentuale.

I linfomi sono un'altra forma di cancro che fa paura. Giulia Parravicini - 5CB - a.s. 2015/16

I linfomi sono un’altra forma di cancro che fa paura.
Giulia Parravicini – 5CB – a.s. 2015/16

Esattamente come il cancro della mammella.

Prevenzione del carcinoma mammario di Federico Piantanida - 5CB - a.s. 2015/16

Prevenzione del carcinoma mammario di Federico Piantanida – 5CB – a.s. 2015/16

E non poteva mancare all’appello la prevenzione di un vero e proprio killer: le malattie cardiovascolari. La gente dovrebbe sapere quanto è facile diminuire il rischio.

Prevenzione delle malattie cardiovascolari Michele Zambon - 5CB - a.. 2015/16

Prevenzione delle malattie cardiovascolari
Michele Zambon – 5CB – a.. 2015/16

Prevenzione delle cardiopatie di Federico Piantanida - 5CB - a-s- 2015/16

Prevenzione delle cardiopatie di Federico Piantanida – 5CB – a-s- 2015/16

Alla prossima :))

Loretta Sebastiani

Prevenzione AIDS

Ecco alcuni dei manifesti più belli che gli alunni della 5CB di Biotecnologie sanitarie hanno realizzato per diffondere correttamente il messaggio sulla prevenzione HIV/AIDS nella giornata mondiale dell’AIDS (1 dicembre di ogni anno).

Complimenti a tutti e in particolare ad Aportone, Bazzani, Fogazzi e Mori.
Per non fare torto a nessuno i manifesti sono pubblicati in ordine alfabetico.

Loretta Sebastiani

Manifesto di Stefano Aportone

Manifesto di Stefano Aportone

Manifesto di Barbara Bazzani

Manifesto di Barbara Bazzani

Manifesto di Valentina Fogazzi

Manifesto di Valentina Fogazzi

Manifesto di Giada Mori

Manifesto di Giada Mori

Manifesto di Michele Zambon

Manifesto di Michele Zambon

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il promo della nostra mostra per EXPO

Titolo-pagina-blog-promo-mostra

 

La nostra avventura per EXPO continua.

Qualche mese fa eravamo eravamo a Verona a JOB & ORIENTA. Ecco i tre protagonisti di quella giornata intervistati in diretta da Federico Taddia per la RAI sulla partecipazione a TogetherinExpo. Ci eravamo appena affacciati sul mondo!

Poi il 16 gennaio abbiamo inaugurato la mostra, frutto del nostro lavoro di due anni 🙂

Se volete saperne di più sulla mostra per EXPO nel nostro Museo di Archeologia Industriale … date un’occhiata al video realizzato totalmente dai ragazzi dell’OMAR!

Aspettiamo commenti e soprattutto aspettiamo voi!  Venite a trovarci e noi vi racconteremo tante storie sul cibo.

Intanto se volete cominciare a guardare le nostre infografiche … seguite il link 😉

Glucosio e galattosio vi raccontano il cibo italiano

Loretta Sebastiani

Inaugurata la mostra!

TITOLO

Mostra sull'alimentazione

Mostra per EXPO al Museo dell’Omar

Ecco il frutto delle nostre fatiche!

Il 16 gennaio abbiamo inaugurato, alla presenza di diverse autorità, l’esposizione che raccoglie tutte le infografiche realizzate sulle tematiche EXPO. Quasi 50 cartelloni illustrano le ricerche-progetto che gli alunni dal biennio fino alle classi delle specializzazioni di Biotecnologie Sanitarie e di Elettrotecnica hanno fatto su cibo e sviluppo sostenibile.

E’ il nostro contributo all’esposizione universale che sarà l’evento dell’anno, troppo importante per il sistema Paese perché l’Omar potesse mancare un simile appuntamento.

Glucosio e galattosio vi raccontano il cibo italiano“, questo il titolo della mostra, sarà aperta alle scuole e al pubblico fino alla fine di dicembre. A breve pubblicheremo il calendario degli eventi che si organizzeranno presso il Museo e la sede dell’OMAR.

Loretta Sebastiani

 

 

Le foto a Settimo Torinese

Ecco le foto scattate mentre eravamo sul palco a ritirare la menzione speciale che ENEL e una giuria qualificata ci ha assegnato per il concorso PlayEnergy del passato anno scolastico (13 ottobre 2010 a Settimo Torinese).
Il nostro progetto è a metà.

Forza ragazzi!

Prof Seb

 

13 ottobre, andiamo a ritirare una menzione speciale!

Prima soddisfazione del lavoro che stiamo facendo in vista di EXPO.

Stamattina andiamo a ritirare una menzione speciale che ENEL ci ha assegnato per la partecipazione a PlayEnergy.

Sono con me 20 alunni della attuale 2A, 2B, 3CA, 3CB e 4CB. Quelli che hanno lavorato con più determinazione ed impegno e che quindi si sono guadagnati un “giorno di vacanza”. Speriamo che sia ricco di soddisfazione!

E speriamo soprattutto che stimoli tutti gli altri a lavorare bene per i prossimi impegni.

Forza ragazzi!

A breve foto e articolo della mattinata a Settimo Torinese con l’elenco preciso dei partecipanti

Prof Seb

 

Le nuove tecnologie sposano una nuova didattica

Istituto Tecnico Industriale OMAR di Novara

Domani, 6 giugno, finisce la scuola.

Immagino la felicità di tutti gli alunni :))

Come ogni anno è ora di rendere merito agli studenti che si sono distinti per le competenze acquisite.  E’ stato un anno molto laborioso che abbiamo dedicato ad un progetto legato ad EXPO 2015:

Glucosio e Galattosio vi raccontano il cibo italiano

La pasta, la pizza, la polenta, la mozzarella, il pomodoro, l’olio, il vino …  sono i simboli che ci hanno reso famosi nel mondo. Ma quali sono le molecole che li compongono? qual è la filiera dei vari ingredienti? quale impatto ambientale hanno agricoltura, allevamento, industria,  imballaggi, trasporto merci … ? che prezzo paghiamo nel consumo di acqua e nella produzione di anidride carbonica?  che cosa ci aspetta con il previsto aumento della popolazione mondiale? quali strategie si stanno studiando?

A queste domande hanno cercato e cercheranno una risposta gli alunni dell’OMAR, dalla prima fino alle classi terminali, studiando l’argomento in base alle loro competenze ed elaborando i risultati seguendo la loro creatività.

Ci fanno compagnia e sono un supporto insostituibile le nuove tecnologie. Internet, prima di tutto, miniera di informazioni, spesso contraddittorie. E poi il cloud computing che abbiamo abbracciato  ormai da qualche anno e ci aiuta, tramite Google Drive, a creare infografiche e nuovi metodi di comunicazione.

A tutti voi, curiosi di dare una sbirciata in anteprima a qualche assaggio del nostro progetto … buona navigazione!

E a tutti i miei studenti, autori in erba, congratulazioni!

Prof Seb

Google

Il libro di Scienze della Terra

Copertina del libro di Scienze della Terra

Copertina del libro di Scienze della Terra

 

Un libro di Scienze della Terra, in carne ed ossa virtuali, però. Il libro ha una sola copia cartacea. Per il resto è depositato in Internet. Realizzato ed assemblato secondo le più moderne tecnologie.
Infatti è stato scritto e disegnato sfruttando la piattaforma ”cloud”, ”Docs and Spreadsheets”, fornita gratuitamente da Google. Pensate che avete utilizzato la piattaforma collaborativa più avanzata per la produzione e condivisione di documenti! Chi lo avrebbe mai detto all’inizio dell’anno scolastico?
E alla fine eccolo qui, il nostro libro.
Questa è la copertina scelta da voi attraverso il nostro piccolo concorso interno. Ognuno di voi ha realizzato la sua dopo aver scelto “il suo titolo” e poi, tutti insieme, avete votato. La migliore è risultata questa che vedete, di Federico A. classe 1CB.
Se cliccate sulla copertina entrate in una pagina in cui potete “sfogliare” due dei capitoli del libro. Basta cliccare sulla pagina di destra.
In basso a sinistra, invece, trovate l’elenco di tutti i file .pdf. Chi vuole li può scaricare sul proprio computer e leggere.
Gli argomenti importanti ci sono tutti. Vulcani, terremoti, tettonica a zolle, idrosfera ed atmosfera ma ne mancano ancora tanti. La speranza è che i nuovi iscritti trovino la stessa vostra voglia di mettersi in gioco e sfidare tutte le grandi e piccole difficoltà che insieme abbiamo incontrato e superato. E riuscire così a completare i tanti argomenti e i punti interrogativi che non siamo riusciti ad esplorare per mancanza di tempo.
Insieme abbiamo vinto. Vinto la sfida e vinto anche nel percorso didattico. Ne sono sicura e ve lo dimostrerò ad inizio del prossimo anno scolastico. Aspettatevi ancora iniziative “strane” e nuove avventure.
Un grazie particolare lo dobbiamo alla vostra insegnante di religione, prof. Gardini, che ha saputo suggerirci la frese in copertina. Frase che riassume benissimo il significato più profondo che bisogna dare all’insegnamento a allo studio del nostro pianeta.
E’ stato un anno fantastico. Molto faticoso ma fantastico. Grazie ragazzi!
La vostra insegnante
Google